cyber security, hacking

La filiera del crimine cibernetico

Alcuni modelli di attacco risultano estremamente efficaci grazie ad una sorta di filiera nell’industria del crimine cibernetico. Esiste, ad esempio, un mercato molto attivo per quanto riguarda database ricchi di anagrafiche con relativi dati personali come indirizzi email, credenziali, profili social, ecc… dati che per essere acquisiti richiedono di per se un attacco finalizzato al furto degli stessi e spesso “monetizzato” ricattando il target di divulgare le informazioni sottratte tramite il data breach a meno che non venga corrisposta una somma in crypto valuta.

Ma l’attacker non si limita alla richiesta di riscatto che, come le statistiche riportano, potrebbe anche non andare a segno. I dati sono infatti spesso messi in vendita su diversi portali nel Dark Web e non (ormai ci sono molti siti che, con meccanismi curiosi basati su “crediti”, consento di entrare in possesso di queste informazioni) o altri metodi più immediati come famosi gruppi e canali su Telegram e simili.

Acquisire un database con credenziali di milioni di utenti è, per ovvie ragioni, un ottimo punto di partenza per l’attacker che cerca nuove vittime: in base al proprio modello di attacco potrà selezionare organizzazioni per le quali possiede informazioni utili ad eseguire azioni offensive: avere a disposizione anagrafiche spesso accompagnate da credenziali personali e/o aziendali (anche se non aggiornate) di membri di un ente o di una azienda consente infatti la progettazione di attacchi molto efficaci. Le credenziali obsolete possono comunque essere utilizzate per campagne di phishing mirate tramite cui acquisire nuove informazioni o altri dati sensibili.

In questi casi, pur avendo provveduto all’introduzione di policies atte a ridurre enormemente il rischio di accessi non autorizzati alla rete tramite credenziali trafugate, si deve far fronte a tecniche di social engineering e phishing particolarmente insidiose: non stiamo parlando della solita email truffaldina che, si spera, gli utenti hanno imparato a riconoscere ed i sistemi di Email Filtering/Security sanno segnalare come “anomala”, il phishing mirato è decisamente più subdolo in quanto le comunicazioni, che possono avvenire via email o altri mezzi, sono costruite per essere verosimili. Non è raro l’utilizzo di informazioni reperite tramite tecniche di analisi come OSInt (tema in parte raccontato in questo podcast) o ricavate da quel tesoretto di dati trafugati tramite altri data breach ed acquistati spesso a prezzi anche molto bassi.

Nota: il “valore economico” dei dati provenienti da un data breach varia in virtù di molti parametri, non ultimo l’epoca a cui risale.

La strategia di difesa deve quindi tenere in considerazione il fatto che l’attacker potrebbe agire sulla base di informazioni anche molto dettagliate sul vostro conto, sia personali che del contesto lavorativo. Per capirci riporto un banale esempio di azione offensiva che mi è capitato di realizzare in occasione di un security test (ovviamente commissionato da una organizzazione che aveva l’esigenza di misurare il proprio grado di consapevolezza) dove è stata progettata una campagna di phishing verso uno specifico gruppo di utenti in riferimento ad una verifica di sicurezza del proprio account aziendale per una applicazione terza (in cloud) il cui utilizzo era emerso grazie alle analisi OSInt (nel caso specifico i record DNS davano evidenza specifica dell’utilizzo del servizio). L’azione, nella sua senplicità, riprendeva qualcosa di estremamente noto alle vittime ed i risultati hanno consentito di misurare il livello di esposizione ad una minaccia estremamente diffusa.

Esistono infinite sfumature che possono essere utilizzate in un attacco di phishing mirato ed è relativamente semplice aggirare o eludere meccanismi di protezione. Ad esempio l’utilizzo di email regolarmente registrare con provider di tutto rispetto: è raro che un indirizzo email opportunamente formattato sia considerato una minaccia (asdfgh88@da.ru è ben diverso da franca.rossi@protonmail.com). Inoltre l’email non è certo l’unico canale per innescare un dialogo. E’ sensibilmente aumentato l’utilizzo di tecniche di impersonation finalizzate alla raccolta di informazioni… e visto l’attuale contesto, in cui è praticamente impossibile incontrare persone o enti che non fanno uso di social network, è ovvio che le tecniche di social engineering siano sempre più utilizzate e risultino particolarmente efficaci.

Ed arriviamo al problema del percepito: si tende ad osservare la singola azione, la singola minaccia quando il tema va approcciato facendo dieci passi indietro per osservare il contesto nella sua interezza e complessità. Le singole azioni “chirurgiche” di mitigation e remediation, se non le contestualizziamo in un processo più ampio, rischiano di essere inefficaci. Non ha senso combattere le singole minacce una ad una — oggi il phishing, domani le vulnerabilità dei sistemi di perimetro, settimana prossima la gestione dei dati sensibili — ovvio che è sempre meglio di niente, ma questo è “agire a sentimento” (per non dire a caso) per combattere un avversario che ha strategie e tattiche ben definite e collaudate. Chi la spunterà?

Va costruita una strategia che prenda in esame come siamo fatti (come persone e come organizzazioni) che sia la base per definire azioni e tempi, con ordine e KPI misurabili. Va gestita questa cosa delle “sicurezza cibernetica”, con metodo.

Per quanto mi riguarda per capire il contesto dovete circondarvi di persone — consulenti, dipendenti… come vi pare — che lo hanno vissuto, che fanno parte del complesso e vasto mondo delle sicurezza cibernetica (sul versante etico e legale ovviamente ma bel consci di come sia fatto alche l’altro versante). Orientarsi in questo universo è indispensabile per prendere decisioni efficaci ed efficienti.

Da non dimenticare che le aziende operano in un contesto di mercato dove, solitamente, esiste una certa competizione: non ci si può permettere di non considerare il vantaggio competitivo nell’ottenere una postura di sicurezza migliore rispetto agli altri attori di mercato, è evidente la restituzione di valore in termini di qualità, affidabilità, resilienza. E’ un processo già avviato, probabilmente accelerato dall’attenzione (spesso maldestra a dir la verità) dei media, ma è ovvio che il cliente (prima di tutte le aziende ma lo stesso discorso vale per l’end user) comincerà a prediligere il fornitore più affidabile anche dal punto di vista della sicurezza cibernetica. Ne va del suo business.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.